118 - Primo Soccorso

Il servizio di emergenza sanitaria 118 per l’area Pavia ha la centrale operativa presso l’ospedale S. Matteo.

Il servizio si attiva componendo su qualsiasi numero telefono il numero 1.1.8.
A questo numero risponde un’ infermiere professionale che ha il compito di valutare velocemente la situazione e raccogliere maggiori informazioni possibili per preparare sia l’equipaggio dell’ambulanza che arriverà sul posto che il personale del Pronto Soccorso che prenderà in cura il paziente una volta in ospedale.

Chiamando il 118 è fondamentale fornire: Una volta accertata l’emergenza, l’operatore attiverà un’ambulanza che si recherà sul posto.
Mentre si attende l’equipaggio è fondamentale stare vicino alla persona, valutando eventuali peggioramenti gravi e, se fosse il caso, comunicarli alla centrale.
Dopo qualche minuto arriverà l’ambulanza.

Anche in questo caso è necessario attenersi alle indicazioni dell’equipaggio, rispondere alle domande e mantenere la calma: chi vi assiste sono persone preparate e competenti anche non essendo medici o infermieri; non possono somministrare farmaci, fare punture o dare diagnosi ma sono persone che si impegnano per aiutare gli altri, che hanno studiato e si sono formati per cercare di fare tutto il possibile per il bene altrui.
Sarebbe utile che un famigliare o il vicino d casa attenda l’equipaggio al cancello in modo da guidarli verso l’abitazione o in un punto strategico durante un incidente.

Nei casi più gravi potrebbe arrivare anche l’ “auto-medica” mezzo con a bordo un infermiere professionale e un medico rianimatore, questi, con l’aiuto dell’equipaggio dell’ambulanza, possono somministrare farmaci e svolgere le stesse funzioni di un Pronto Soccorso.

La squadra del 118 é composta da medici anestesisti rianimatori, medici dell'Emergenza Territoriale, infermieri professionali e autisti che hanno come attività comune il coordinamento del soccorso di base e avanzato, il soccorso avanzato sul territorio e la didattica di formazione e aggiornamento sull'urgenza.
Dalla nascita ad oggi la crescita organizzativa e culturale del SSUEm 118 Pavia è stata graduale ed intensa, coinvolgendo i dipartimenti d'urgenza degli Ospedali del territorio e le Associazioni di Soccorso.
L'obiettivo del sistema di soccorso della Regione Lombardia, fornire una risposta adeguata alle necessità degli utenti, si sta attuando con la presenza di mezzi di soccorso di base e medicalizzati sul territorio de pavese.

AREU Lombardia ha avviato dal 2010, partendo dalla centrale operativa di Varese, il Numero Unico Emergenze 112 che diventerà per la Lombardia il numero di emergenza per tutte le richieste di intervento ( Urgenze Sanitarie, Polizia, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco). Sono previste tre centrali: a Milano( per l'area di Milano), a Brescia (per le aree di Brescia, Pavia, Cremona, Mantova, Sondrio e Lodi) e a Varese (per le aree di Varese, Lecco, Como, Bergamo e Monza e Brianza). L'introduzione in tutti gli Stati Membri EU del 112 come "Numero Unico Europeo di emergenza" è prevista fin dal 1991 con la Decisione 91/396/CEE del Consiglio delle Comunità Europee. Con la pubblicazione del New Regulatory Framework nel 2002, la Commissione Europea ha ribadito tale obbligo; con ulteriori raccomandazioni e specificazioni sono poi state meglio chiarite – in termini di peculiarità tecniche di accesso al servizio, di funzionamento e di modalità di informazione ai cittadini – le caratteristiche attese per l'erogazione del servizio di risposta alle chiamate di emergenza.

La legislazione italiana ha, poi, introdotto il Numero Unico Europeo di Emergenza 112 con Decreto Legislativo n 196 del 30 giugno 2003, art. 127, comma 4.

La legge regionale n° 33 del 30 Dicembre 2009 e s.m.i .assegna ad AREU il compito di garantire l'operatività dei Call Center Laici Numero Unico Emergenza 112 sul territorio regionale.

Il 21 Giugno 2010 viene ufficialmente avviato il Call Center Laico NUE 112 di Varese; presenti il Ministro Maroni, il Presidente di Regione Lombardia Roberto Formigoni, i massimi vertici nazionali di Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco.

Il 4 luglio 2011 viene firmato il protocollo d'intesa tra Ministero dell'Interno e Regione Lombardia per l'attuazione in Regione Lombardia del 112 NUE - Numero Unico di Emergenza Europeo secondo il modello del Call Center Laico.

Il 28 dicembre 2012 viene firmata una convenzione tra il Ministro dell'Interno e il Presidente di Regione Lombardia che riconferma gli obblighi rispettivamente assunti con la sottoscrizione del Protocollo del 4.07.2011 e definisce, nel dettaglio, i rispettivi impegni economici per gli anni 2012, 2013, 2014.

TRASPORTO SANITARIO

Possiamo fornire una autoambulanza , con le previste autorizzazioni sanitarie rilasciate dall’ Asl competente e da AREU, per il trasporto di pazienti ad Ospedali o strutture sanitarie su tutto il territorio nazionale. Le tariffe applicate sono quelle imposte dal Decreto della Regione Lombardia del 2006.

TRASPORTO DISABILI

Forniamo un servizio di trasporto disabili con un furgone appositamente attrezzato ed un Doblò Fiat modificato con pedana per il trasporto di carrozzine.

SERVIZI SPORTIVI

Forniamo mezzi e personale qualificato per assistenza in eventi sportivi di qualsiasi tipo.

TELE ASSISTENZA

Forniamo un servizio di assistenza a distanza agli anziani. In casa dell’ utente viene attivato un apparecchio che dialoga con la nostra centrale posizionata al centralino della sezione e viene attivato in caso di necessità con un pulsante posto sul telecomando tenuto al collo o nelle immediate vicinanze dell’utente.
Un nostro operatore è sempre presente in sezione per rispondere ad eventuali chiamate ed ad attivare, se necessario, la centrale operativa del 118.

Servizio Civile Volontario in Croce Bianca LANDRIANO:

Una Scelta che cambia la vita: TUA e degli ALTRI.

Il Servizio civile volontario è una importante e spesso unica occasione di crescita personale, una opportunità di educazione alla cittadinanza attiva, un prezioso strumento per aiutare le fasce più deboli della società contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese.

Chi sceglie di impegnarsi per dodici mesi nel servizio civile volontario, sceglie di aggiungere un'esperienza qualificante al proprio bagaglio di conoscenze, spendibile nel corso della vita lavorativa, quando non diventa addirittura opportunità di lavoro, nel contempo assicura una sia pur minima autonomia economica.

Svolgere il Servizio Civile Volontario in Croce Bianca a Landriano è possibile ed è una appagante esperienza di vita, nella quale si arricchiscono le proprie conoscenze di Pronto Soccorso e assistenza, a contatto con persone meno fortunate o costrette a periodi lunghi di ospedalizzazione.

Contatta la nostra sede per avere un colloquio con il Responsabile del Servizio Civile, il quale potrà chiarire ogni tuo dubbio e, nel mentre, consulta il Link del Ministero: www.serviziocivile.it